DKN e utilizzo riabilitativo....

  • Sharebar
  • Aumenta
  • Diminuisci

Dimensione attuale: 100%

2 posts / 0 new
Dal più recente
spongino76
Ritratto di spongino76
DKN e utilizzo riabilitativo....

Buongiorno a tutti,
questo il mio primo messaggio.Ho acquistato una pedana vibrante "DKN pro evolve"e vorrei gentilmente sapere se posso utilizzarla essendo affetto da Sclerosi multipla.
Porta dei benefici il suo utilizzo?Inoltre se non chiedo troppo mi indichereste un sito dove trovare esercizi specifici per la mia patologia?
Grazie intanto

Mikele

SASA MARVIN
Ritratto di SASA MARVIN
Re: DKN e utilizzo riabilitativo....

Secondo me non trarrai grandi benefici dal tipo di vibrazione di questa macchina. Ti spiego bene il motivo.
Se vedi gli studi pubblicati intuisci che ci sono dei miglioramenti in campo neurologico solamente con delle vibrazioni che innescano il passaggio delle stimolazioni propriocettive al fine di innescare una risposta in termini di contrazione, poi diffusa ai vari gruppi muscolari interessati, e quindi rieducare l'utilizzo degli stessi.

Da quello che so io (che non sono medico) la sclerosi multipla è una malattia degenerativa del sistema nervoso. Con il decadere della funzionalità di parte di esso è necessario rieducare il flusso delle comunicazioni nervose attraverso le unità sane rimanenti.

Quando la cosa affligge il sistema nervoso, nel caso ci si riferisca allo schema motorio, come per esempio nella fase di rieducazione del movimento di un arto dopo un intervento dovuto ad un trauma, oppure dopo un'ischemia che ha ridotto delle funzionalità motorie perché ha danneggiato alcune parti delegate a questo compito, il senso è quello di utilizzare percorsi alternativi per fare le stesse cose che si facevano prima. Quindi insegnare ad altre cellule sane, neuroni o nervi che siano, a fare le stesse cose che prima erano svolte da entità ora non più in grado di svolgere il loro compito.

Gli impulsi creati da una precisa frequenza con un'escursione precisa (es. 20 Hz e 4mm) comunque oltre ad una certa soglia, se somministrata come sulla Galileo (per citare gli studi) innescano tutta una serie di reazioni neuro muscolari che moltiplicano la velocità di apprendimento, e moltiplicano gli eventi del dialogo tra la muscolatura e le terminazioni nervose che ne gestiscono il funzionamento. Spero che gli addetti ai lavori perdonino questo mio linguaggio intermedio più rivolto alla persona che non al professionista.

Inoltre, assieme a questa amplificazione della stimolazione tra organi propriocettivi e SNC o corteccia, a seconda della frequenza, ci sono i fattori del massaggio intramuscolare e quindi di drenaggio, di ossigenazione e di conseguenza di rigenerazione cellulare che logicamente ne può derivare.

Pro Evolve forse rientra solamente per quest'ultima parte, e in ogni caso in modo veramente ridotto e localizzato forse alla parte bassa degli arti inferiori.
Quindi per me non è valida per il tipo di cosa che ci si aspetta.

Purtroppo negli studi, specialmente negli abstract si omette il tipo di dispositivo. Quindi uno trova delle indicazioni benefiche in relazione al WBVT e pensa che tutti i dispositivi che vibrano hanno la stessa risposta, ma vi assicuro che non è così.

Se li analizzi tutti ti accorgi che ce ne sono molti di studi, e quasi la metà, quelli fatti con vibrazione sotto la soglia "di lavoro" muscolare che non danno risultati, o se li danno non hanno certo un riscontro utile.

Accedi o registrati per inserire commenti.