meditazione per ridurre lo stress e per lo sport

dieta
dieta zona

il portale specializzato in dieta, integratori, dieta zona, diete per dimagrire e per lo sport

massamagra: la più ampia selezione di risorse web su dieta zona, alimentazione per il fitness, lo sportivo pro e non,
dieta, diete per dimagrire e rimanere sempre in forma con un occhio a salute e benessere.

il sito massamagra.com

proZona

  • ATTENZIONE !!!
    ProZona non è compatibile con iOS8. Andare nei settaggi dell' App e fare il backup del DB prozona per usi futuri se si intende fare l'upgrade al nuovo sistema operativo.

proZona 1.0 App Calcolo alimenti

Avvertenze

  • I contenuti e i pareri espressi in questo sito non devono essere intesi come cure mediche, consigli medici o diagnostici avendo esclusivamente finalità divulgativa e, non essendo in alcun modo sostitutivi della consulenza del medico, non possono costituire neppure presupposto di autodiagnosi o automedicazione.

Pubblicità

Newsletter massamagra.com

ISCRIVITI
alla
newsletter

tieniti aggiornato su articoli e novità. Ti avviseremo ogni volta, al masssimo settimanalmente, di nuovi articoli sulla zona, sulla salute, lo sport e l'alimentazione.

Sport Stress Meditazione

Ridurre lo Stress con la Meditazione e
la Meditazione nello Sport.

(di Sasha Marvin, 18 Marzo 2006)

È necessario fare una premessa. Questo articolo è stato scritto su un piano personale, non è generico come gli altri articoli che scriviamo ed è indirizzato solo alle persone che sono consapevoli di realtà e sensazioni non legate unicamente alle cose materiali o definibili da strumenti di misura.

La meditazione è un dono. Per chi ha percorso a sufficienza il percorso della meditazione da scoprirne il semplice significato, non può essere giunto ad un'altra conclusione.

Per questo motivo, farne degli usi diversi sarebbe immorale, quindi molto sbagliato.

Esattamente come rubare e rivendere un regalo fatto con una valenza spirituale o sentimentale.

Questa premessa solamente per avvisarvi dal diffidare da chi vi propone la meditazione su pagamento. Un ricercatore sincero, un maestro di meditazione che sia tale, non potrebbe mai arrivare a pensare di potersi arricchire materialmente con la meditazione.

La mia esperienza personale

Pratico la meditazione dal 1997, ho iniziato ad avvicinarmi a questa avventura attraverso la lettura di alcuni libri puramente ludici, come “il terzo occhio” oppure “la profezia di celestino” che adesso naturalmente reputo del tutto romanzeschi, ma che al tempo mi hanno aiutato a intravedere la strada giusta, in modo semplice e delicato, per poi arrivare al Dharma, la dottrina dei Lama Tibetani. Questa è stata la prima fase, in cui ho provato dei percorsi di vario genere.

È importante provare alcune strade per poi scegliere quella che meglio si addice al tuo modo di essere. Se si vuole intraprendere realmente un percorso, ovviamente non bisogna farsi prendere troppo a lungo dall’indecisione e girare continuamente tra le alternative solo per il gusto di leggere, ma non si deve nemmeno decidere immediatamente. Com‘è vero che non tutti siamo predisposti ad effettuare lo stesso tragitto. Con questo non voglio dire che una disciplina vale l’altra, ma semplicemente affermare che non tutti dobbiamo necessariamente seguirne una, questa o quella.

Quando ho provato il percorso del Kriya Yoga, di Paramahansa Yogananda, ho capito che era quella la mia strada. Ho iniziato e sono andato a fondo, con perspicacia e dedizione. Naturalmente in questi anni ho raggiunto una maggiore consapevolezza, una enorme consapevolezza su tante cose rispetto agli inizi, ma dire che ho ottenuto i meriti per essere lontanamente considerato un maestro sarebbe un’eresia bella e buona.

Non è così e, infatti, posso permettermi solamente di dare dei consigli su come intraprendere la strada per chi è realmente interessato, posso fornire delle indicazioni di base su tecniche di respirazione facili, comuni a tutti, innocue ed efficaci per il rilassamento, ma non posso andare oltre. Sarete voi che dovrete scoprire da soli quale è la vostra scuola, informanovi, provando a iniziare, praticare e poi scegliere.

La meditazione per ridurre lo stress.

A questo livello possono essere utili vari tipi di attività “meditative”. Non devono per forza essere situazioni che portino via troppo tempo oppure che siano noiose. Ovviamente non guardare la TV che tutto fa meno il liberare la mente e calmare lo stress. Qualcosa che piace fare. Come attività sportive vanno bene quelle dove l’intensità è molto bassa e in cui non serve attenzione, attività ripetitive, tipo il nuoto o le camminate sulla spiaggia, la corsa leggera. Un buon metodo per ridurre lo stress è fare delle passeggiate tranquille per godersi il panorama, o il giro in centro senza nessuno scopo se non quello di guardare cosa fanno le persone, ma con il cervello totalmente libero. Svuotare la mente.

TECNICA DI MEDITAZIONE

Una tecnica di meditazione disponibile a tutti, che porta ad un livello di rilassamento totale lasciandoci sereni a lungo, è quella del controllo volontario del respiro. Non ci sono limiti di tempo o un certo numero minimo di minuti da fare, semplicemente si fa sino a che si ha voglia. Il bello è che dopo alcuni minuti di pratica la cognizione del tempo svanisce e possono passare 5,10, 20 minuti come mezz’ora senza accorgersi. Ma non fate del tempo un parametro o un punto d’arrivo.

Il vero punto d’arrivo è raggiungere la calma e mantenerla, ma senza sforzarsi, senza imposizioni e senza vincoli di tempo.

La tecnica è molto semplice. Bisogna trovare un luogo adatto, anche una panchina al parco o la stanza del vostro ufficio, dovete sedersi con la schiena dritta, verticale, con la spina dorsale perpendicolare al terreno. Sedetevi sul bordo della sedia e appoggiate le mani sulle gambe. Tenete la testa dritta in linea con la spina dorsale. Inclinate, mantenendo la schiena dritta, il busto leggermente in avanti. Cercate di assumere questa posizione rilassando tutto il resto del corpo. Fate finta che la vostra testa sia appesa al soffitto da un cavo invisibile. Immaginate che la spina dorsale si solidifichi in questa posizione. Bacino, schiena e testa tenuti in modo che la spina dorsale sia dritta. Una volta trovata la posizione dite al vostro corpo di mantenerla e dimenticatevene per passare a quanto segue.

Ora, osservate il vostro respiro per alcuni momenti, vedete il flusso d’aria che circola dal naso al fondo dei polmoni e viceversa, dopo alcuni cicli di respiro svuotate i polmoni, iniziando dall’alto verso il ventre. Quando sono vuoti inalate riempiendo prima il ventre, piano e lentamente, e iniziate a contare, con calma. Contando piano dovreste riuscire a riempire lentamente d’aria i polmoni in circa 10 secondi. Avrete contato fino a 10, più o meno. A questo punto trattenete il fiato contando di nuovo fino a 10. Al 10 iniziate a svuotare d’aria i polmoni, molto lentamente, per fare in modo di averli svuotati nello stesso tempo delle altre due fasi. 10,10,10.
Se vi sentite di allungare il conto, fino a 12 o oltre potete farlo, ma sempre in modo uguale per le 3 fasi.

Durante la tecnica, all’inizio osservate il fluire dell’aria mentre riempite e svuotate i polmoni, mentre inalate ed espirate. Fatelo per i primi 10 cicli. In una seconda fase, immaginate il calmarsi delle onde sul mare davanti a voi, fino a diventare lentamente sempre più calmo, piatto.

Arriverete ad un punto in cui i pensieri non saranno un problema e potrete mantere uno stato di calma profondo. Questo dovete cercare.
Già dopo 6 cicli vi accorgerete di essere molto calmi rispetto al solito.

La tecnica descritta sopra è solo un inizio.

La meditazione nello sport.

Nello sport la meditazione assume un ruolo sotto l’aspetto della maggior sopportazione al dolore o delle situazioni di massima intensità agonistica, in cui il distacco della mente dalla sofferenza, causata dallo sforzo estremo, è notevolmente attenuato lasciando grande spazio alla concentrazione e (esperienza personale) proiettando la propria coscienza su un piano di controllo della situazione, dove vi troverete ad osservare la vostra macchina biologica operare estremamente efficace nelle fasce muscolari interessate e rilassata in quelle non utilizzate, con un grado di sofferenza generale ridotto ad un livello assolutamente gestibile, quasi indifferente, anche alla massima intensità fisica che potete permettervi. Questo diventa un vantaggio enorme, in termini di prestazioni e lucidità.

Per protrarre a lungo questo stato dovete lavorarci sopra, ovviamente.

Naturalmente per ottenere dei risultati in questo senso è necessario padroneggiare alcune tecniche che vanno al di là del semplice rilassamento, o della sedute fatte per brevi periodi o per alcune settimane. Se sarete costanti scoprirete anche altri aspetti della meditazione che vi daranno grandi motivazioni a persistere e continuare nella ricerca di ciò che la meditazione a volte fa intravedere o intuire.

Come concetto, nello sport, ci si avvicina molto alla rigenerazione del corpo umano in regime di alimentazione salubre e ricco di nutrienti. Se rigenerate le cellule anche con l’apporto dello stato mentale e fisico positivo, carico di energia, generato dalla meditazione di un certo livello, il risultato sarà ovviamente strepitoso. Quanto dipende da voi e dalla dedizione con cui vi impegnate.

Per iniziare a scoprire la meditazione.

Per iniziare ad addentrarvi sul sentiero della meditazione io posso consigliarvi alcuni libri, ce ne sono davvero tanti ma questi sono i più significativi:

Per chi vuole divertirsi entrando a contatto con il mondo della metafisica:

Il terzo occhio – Lobsang Rampa
La profezia di celestino – James Redfield
I segreti dell’Aura - Lobsang Rampa

Per chi desidera inoltrarsi su sentieri più seri:

Autobiografia di uno Yogi – Paramahansa Yogananda
lo trovate on-line con il link qui sopra oppure in tutte le librerie

Se i concetti espressi in questo libro sono per voi accettabili, potete proseguire richiedendo la spedizione delle lezioni della SRF, la scuola senza fini di lucro di Paramahansa Yogananda.

Cito solamente un libro nella panoramica dei libri sulla meditazione perché è l’unico che da accesso ad una scuola di meditazione seria, vera che tutti possono seguire.

Per altre soluzioni:
Se nella vostra città ci sono dei centri di meditazione di Lama Tibetani, chiedete di poter partecipare alla meditazione.
Naturalmente ci sono altre scuole serie e non avrete problemi a trovarle se è realmente ciò che desiderate.