massamagra Dieta Zona pH++

  • Sharebar
  • Aumenta
  • Diminuisci

Dimensione attuale: 100%

[*** Bibliografia: Miracolo del pH Alcalino - Robert O. Young PhD, Il tumore è curabile adesso - Robert O. Young Matt Traverso]
[****Bibliografia: Potential renal acid load of foods and its infuence on urine pH - Thomas Remer PhD Friedrich Manz MD]

 

Per chi non conosce la Dieta Zona diciamo in sintesi che, nella preparazione dei pasti, il rapporto Proteine/Carboidrati di 0,75 è quello che nella media grantisce il miglior rendimento sotto molti punti di vista. Assumendo più pasti di quantità limitata non si innescano quei picchi glicemici che fanno interrompere il consumo di grassi per la produzione dell'energia che utilizziamo.

La versione massamagra della Dieta Zona pH++ prevede il controllo anche di un altro parametro: la componente alcalina. Non è molto diverso da quanto auspicato dalla PaleoZona o dalla dieta Paleo: il vantaggio è che con questa versione dell'app si possono comporre dei pasti in autonomia e calcolarne i valori, non ci si limita solamente a seguire delle ricette già pronte. In definitiva, vi ritrovate a fare una paleo, però precisa e non casuale.

Il concetto su cui si basa la Zona pH++ è molto semplice: si mantente il bilanciamento dei macronutrienti (proteine, carbo e grassi) con scelte favorevoli e con il rapporto P/C di 0,75 di media, ma in più si pone attenzione all'apporto acido/alcalino degli alimenti, componendo dei pasti con una componente finale basica, alcalina.

Caricare l'organismo di acidità oltre alla soglia di smaltimento che i nostri organi (pelle, polmoni, apparato urinario) sono in grado di svolgere, ha come risultato l'accumulo di tossine nei tessuti. La teoria più accreditata è che in un ambiente acido i batteri proliferano, in un ambiente alcalino no. La popolazione di batteri, se fuori controllo produce troppe tossine. Qualsiasi biologo può confermare questa teoria. Se i tessuti sono troppo acidi, possono insorgere infiammazioni con complicazioni di natura media/lieve. Se l'acidità persiste, le infiammazioni si trasformano in ulcere e, se le circostanze rimangono invariate troppo a lungo e non si dà la possibilità al nostro corpo di ripararsi e alle infiammazioni di regredire, le ulcere degenerano in tessuto cancerogeno. 

Il sistema linfatico è alla base dello smaltimento delle scorie e dell'acidità. E se il sistema linfatico è in stasi è un problema.

Le considerazioni non si fermano qui ovviamente, ma ora concentriamoci su come fare.

Come funziona la Dieta Zona pH++

Se ci deve essere equilibrio tra i macronutrienti, ci deve essere equilibrio anche tra alimenti acidi e alcalini. Bisogna semplicemente dare tregua al nostro organismo fornendo, attraverso l'alimentazione, le sostanze basiche/alcaline di cui ha bisogno. In che cosa consiste l'eccesso di alimenti acidi? Proteine e zuccheri/cereali (entrambi con potenziale acido). Come fare per bilanciare questo eccesso? Consumando molti più ortaggi. Verdura. Più verde è la verdura più alta è la concentrazione di elementi alcalini.

Le proteine generalmente producono un pH acido, mentre le verdure producono un pH basico.

Pesce e carni magre sono molto acide. Vanno bilanciate con degli ortaggi che consentano sia (A) di annullare il potenziale acido delle proteine, sia (B) di fornire un margine alcalino ulteriore. Un pasto neutro non sarà sufficiente. Infatti noi umani produciamo acidità per qualsiasi tipo di attività, dal respirare al pensare, e ne produciamo di più se facciamo attività motoria. Questa acidità va compensata e smaltita.

Il nostro sangue ha (e DEVE avere) un pH: 7,365. Il sangue cede il pH in eccesso ai tessuti. Se si carica anche leggermente di acidità, questa viene ceduta ai tessuti, così come l'alcalinità. Scopri di più qui.

La stragrande maggioranza delle persone ha un pH acido o molto acido. Se non seguite già un'alimentazione ricca di ortaggi e vi misurate il pH delle urine, noterete che probabilmente si aggira intorno a 5,5 se non meno. Con la Dieta Zona pH++ di massamagra e ProZoneEvolution, e semplicemente seguendo i suggerimenti di questa pagina, sarà possibile a tutti raggiungere valori di pH alcalini delle urine molto rapidamente.

Come scegliere gli alimenti giusti

Possiamo vedere che le proteine danno un contributo molto acido mentre le verdure di color "verde" scuro hanno una valenza molto alcalina, la frutta matura al punto giusto è leggermente alcalina, quella troppo matura (fermentata) è leggermente acida, mentre i derivati dai grani sono tutti acidi.

La tabella del PRAL (Potential Renal Acid Load) dà un riferimento indicativo di quello che è il potenziale acido degli alimenti con un riscontro diretto sulle urine. É buona pratica misurarsi quotidianamente il pH delle urine per vedere come reagiamo ai pasti dei giorni prima. Delle cartine al tornasole, acquistabili in farmacia o in erboristeria, faranno al caso vostro.

Un PRAL positivo (+10 ad esempio) darà come risultato un valore acido. Un PRAL negativo (-12 ad esempio) contribuirà ad ottenere un riscontro alcalino.

Scegliendo alimenti con PRAL negativo (spinaci, bieta, spinacina, broccoli, cime di rapa, bietina, ecc...) e compilando dei pasti con una forte componente alcalina, il pH delle urine risulterà gradualmente più alcalino (provato personalmente).

Il mutamento è molto rapido: in tre giorni è possibile portare il pH delle urine da 5,5 (acido) a 7,5 (basico). Il valore ottimale del pH delle urine rientra tra 7,2 e 8,4 ***. In 15 giorni avrete dei benefici evidenti. Vi invitiamo a condividere le vostre testimonianze, sia qui su questa pagina, sia sul gruppo DietaZona di facebook e sulla pagina Massamagra di facebook.

[***  Miracolo del pH Alcalino - Robert O. Young PhD, Il tumore è curabile adesso - Robert O. Young Matt Traverso] -- vedi a fondo pagina i libri di riferimento.

Oltre a ridurre di molto le infiammazioni, vi sentirete in pace con voi stessi. Tutti gli stati di stress (dal nervoso, alle irritazioni anche per i piccoli contrattempi, dalle contratture agli indolenzimenti, agli sfoghi cutanei) saranno ridotti proporzionalmente al vostro livello di stress iniziale, e la vostra capacità di sopportazione, in tutte le circostanze sarà molto più elevata.

Come conteggiare gli alimenti nell'app ProZoneEvolution

Nell'app ProZoneEvolution abbiamo inserito il conteggio del potenziale di carico acido/basico. In base al PRAL, sui 100g di ogni alimento inserito, l'app ProZoneEvolution calcola le componenti di carico acido o basico e fa un bilancio finale, attribuendo al pasto il suo valore di PRAL totale. Se un pasto risulta acido, la riga in alto risulterà giallo/arancione e si vedrà il valore acido; mentre se il pasto ha una risultante basica il colore della barra sarà verde e verrà riportato il potenziale basico.

esempio di pasto con potenziale di carico acido

Avrete così modo di modificare un pasto bilanciato bene ed in Zona, da acido in alcalino semplicemente aggiungendo 300g di spinaci, o un altro ortaggio come la bieta dell'esempio, cioè una porzione leggermente abbondante.

esempio di pasto con carico alcalino

Se dovete inserire nel calcolo del pasto un alimento che non è presente, e avete solamente i valori di P C e G, sarà necessario andare a cercare il suo PRAL. Un tap (click) sul bottone "+ più info" nella sezione di inserimento di un nuovo alimento, aprirà le opzioni per la pagina con i link ai siti che elencano i valori del PRAL. Se non lo trovate chiedeteci il valore sul gruppo DietaZona di facebook. Oppure fate tap su "non trovo", l'app inserirà un valore medio in base alla scelta della fonte di proteine.

Qui la tabella del PRAL per ordine A..Z e per maggior valore basico/alcalino degli alimenti inseriti nell'App. Se non trovate il PRAL in nessuna maniera ma avete i valori nutrizionali estesi ai minerali lo potete calcolare con questa semplice formula: 

PRAL = 0.49 x proteine + 0.037 x fosforo - 0.021 x potassio - 0.026 x magnesio - 0.013 x calcio ****

Informazioni più dettagliate sul PRAL disponibili al The American Journal of Clinical Nutrition: PRAL Research

[**** Potential renal acid load of foods and its infuence on urine pH - Thomas Remer PhD Friedrich Manz MD - The American Journal of Clinical Nutrition]

Alcuni suggerimenti, oltre al cibo.

Utilizzando dei sali basificanti, che si trovano ovunque nelle erboristerie a dei prezzi modici, ed assumendoli la sera prima di andare a nanna, è possibile tamponare gli effetti dei pasti troppo acidi.
Ci sono degli integratori a base di clorofilla che contribuiscono all'alcalinità. Bere acqua con disciolta la clorofilla aiuta. Acqua alcalina anche.
Un ciclo di saune alla settimana smaltisce molta acidità attraverso il sudore e permette di trasferire alcalinità ai tessuti. Portatevi una bottiglia da 1,5 litri con i sali basificanti disciolti in acqua.
Un'attività fisica moderata consente di smaltire tramite la respirazione ed il sudore molta acidità accumulata.
I trattamenti con la vibrazione Galileo (microcontrazioni muscolari estese al corpo intero WBVT) permettono di far circolare il sistema linfatico in stasi e di smaltire molte tossine accumulate nei tessuti. Attenzione: le normali pedane vibranti in circolazione svolgono solo marginalmente questa funzionalità perché contribuiscono parzialmente al drenaggio periferico, mentre la stimolazione intramuscolare è quasi nulla se paragonata alla vibrazione Galileo o solamente localizzata alla parte bassa degli arti inferiori. 

regobasic pegaso

Galileo training pedana vibrante professionale

 

 

Il Tumore è Curabile Adesso - Libro
Il metodo rivoluzionario, scientificamente provato, per la prevenzione e la cura del cancro
€ 22.9
Il Miracolo del pH Alcalino
Bilanciate la vostra dieta, recuperate la vostra salute
€ 21
Guarire il Diabete in 3 Settimane - Libro
Il più efficace Programma al Mondo che Guarisce il Diabete senza Farmaci e senza Insulina
€ 19.9
Come raggiungere la zona
Il percorso alimentare per: perdere peso definitivamente, riprogrammare il tuo codice genetico, prevenire le malettie, aumentare l'efficenza mentale
€ 10.9