Dieta Zona Paleozona per Ciclisti ed Endurance

  • Sharebar
  • Aumenta
  • Diminuisci

Dimensione attuale: 100%

Dieta Zona Paleozona endurance ciclisti

La gestione della Dieta Zona / Paleozona per gli sport intensi a lunga durata.

Bibliografia principale da cui è tratta questa guida: L.Cordain "The Paleo Diet" & "The palodiet for athletes" B.Sears "Come raggiungere la Zona" M.Eades "The Protein power lifeplan" Scott Isaacs and Neil Shulman "Hormonal Balance: Understanding Hormones, Weight, and Your Metabolism" Michael Colgan “Sports Nutrition Guide: Minerals, Vitamins & Antioxidants for Athletes”

Questa guida è utile per la maratona, per il triathlon, e soprattutto per ciclisti e squadre che praticano allenamenti su distanze di 100-200km, comunque situazioni in cui la durata delle sessioni di lavoro sia superiore ai 90 minuti di intensità elevata fino a eventi di 4 o 5 ore di attività nella stessa sessione di lavoro.

Diamo per scontato che uno sappia già gestire la dieta zona "standard". Se così non fosse, per avere idea di cosa affronteremo di seguito, dare una sbirciata alla Guida Rapida Dieta Zona oppure leggi il seguente paragrafo.

Vai pure al passaggio successivo se sai gà cos'è la Zona, se invece non conosci il metodo ti possiamo anticipare che si tratta di un'alimentazione su misura, dove il fabbisogno di nutrienti è stabilito in modo preciso per le tue caratteristiche fisiche e per il tipo di attività che fai. La scelta degli alimenti è condizionata dalla loro componente nutritiva, se contengono nutrienti favorevoli sono preferiti a quelli con antinutrienti. Gli alimenti sono combinati in quantità precise di modo da fornire al nostro organismo un combustibile pulito e con il massimo di "ottani" possibile. Sta di fatto che in questo modo le calorie assunte bruciano meglio e rendono il doppio rispetto alla maggior parte dei programmi alimentari di vecchia generazione. La Zona utilizza il metodo a blocchi per definire una certa quantità di cibo. Io ho bisogno di 18 blocchi da ripartire nel corso della giornata. Ogni blocco è composto da un mix di alimenti in base al loro rapporto proteine / carboidrati / grassi. Nella guida rapida menzionata sopra si spiega il meccanismo della Zona. É più semplice di quanto sembra. Detto questo, lo schema standard della zona va bene per il calcolo dei pasti, ma ci sono delle cose fondamentali da gestire nel caso degli atleti.

Passiamo subilto al dunque. mettiamo appunto il caso di atleti che in certi periodo necessitano di un aumento dei blocchi oltre a quelli standard: come ci si deve comportare? Aumentare i blocchi sempre col sistema 40/30/30 o aumentare solo i blocchi dei grassi? Inoltre, qual è l'alimentazione pre, durante e post gara? La Paleozona, di fatto è una versione un po' più restrittiva della normale Zona di Barry Sears, in fatto di selezione degli alimenti. Nella Paleozona si prediligono le sorgenti che tengono bassa l'acidità del sangue ed al contempo, favoriscono le funzioni rigenerative dell'organismo. Nonostante la Dieta Zona, e ancor di più la Paleozona siano dei programmi alimentari ottimali, è necessario adottare delle modifiche per chi si allena ad alta intensità e per un lasso di tempo che va dalle 10 alle 30 ore ed oltre alla settimana. Per semplicità da qui in avanti ci riferiamo al programma alimentare continuando a definirlo Dieta Zona. Modificando la Dieta Zona nelle ore precedenti, durante e subito dopo l'endurance si producono due fondamentali benefici: un recupero rapido per essere subito pronti alla sessione di lavoro successiva e un incremento di salute che vi garantirete da qui in avanti, evitando molti infortuni, cali di prestazioni e infiammazioni al tratto respiratorio che insorgono facilmente se sottovalutate gli aspetti dell'alimentazione. Per ora limitiamoci ad affermare che, rispetto alla Dieta Zona Classica, è evidente che sono necessarie delle modifiche per la Dieta Zona PRO Endurance / Paleozona per Atleti, o come vogliamo chiamarla, ma prima di andare nel dettaglio è fondamentale avere un quadro completo della situazione per capire come gestire poi la propria programmazione alimentare.