La Dieta Zona E Le Fonti Energetiche

  • Sharebar
  • Aumenta
  • Diminuisci

Dimensione attuale: 100%

 

In sostanza, ciò che avviene con la Dieta Zona dal punto di vista del rendimento atletico è un cambio radicale dello sfruttamento della fonte energetica, con una serie di benefici non trascurabili. Normalmente chi si alimenta con programmi alimentari hi-carb, con derivati dalla lavorazione di grani, farine o con carboidrati ad assorbimento rapido, basa la sua fonte di energia principalmente sul glicogeno e sul glucosio.

Il glicogeno è un combustibile molto efficace, che consuma meno ossigeno, ma che dura poco perché si trova solo localmente all'interno delle fasce muscolari interessate allo sforzo; mentre il glucosio, che è immagazzinato nel fegato ed è in circolo nel flusso ematico, interviene quando il glicogeno sta per finire.

Questo è forse uno degli aspetti più critici della vecchia scuola di pensiero, perché quando anche il glucosio finisce, per trovare energia si va ad intaccare il muscolo. In sostanza ci mangiamo le nostre proteine per produrre glicogeno. Ecco perchè è importante spostare l'attenzione del metabolismo verso il tipo di risorsa che dà meno problemi: il grasso.

Con la Dieta Zona si sposta la soglia di utilizzo del glicogeno e del glucosio decisamente più in alto, quasi esclusivamente verso la fase anaerobica, cioè alle alte intensità cardiache, sopra l'80-85% del battito, per intenderci. In questo modo si riserva il lavoro basso, medio e medio-alto ai grassi, la cui riserva è generalmente ampia. E si risparmia glicogeno.

L'apporto di zuccheri veloci (ad assorbimento rapido, tipo glutamina e maltodestrine) durante l'endurance aiuta a posticipare l'esaurimento del glicogeno, ma la produzione di energia basata sul consumo di grassi praticamente evita il problema allungando significativamente i tempi di consumo di questi zuccheri, fornendo riserve di energia decisamente superiori e più redditizie.

"La cosa più incredibile, è che alla fine della sessione, quando solitamente sei sfinito, hai ancora forze ed energie per fare delle accelerazioni che prima erano impensabili! E i crampi diventano solo un vecchio, vago ricordo."