Galilleo per i "non" giovanissimi

2 posts / 0 new
Dal più recente
Carmela
Ritratto di Carmela
Galilleo per i "non" giovanissimi

Ciao eccomi qui con un nuovo dubbio.
Nel mio centro sto trattando una signora ultrasessantenne notevolmente sovrappeso (sui 100kg per intenderci), con iniziale mia e sua soddisfazione. Le ho cominciato a proporre degli esercizi alternando prima l'appoggio di un piede e poi l'altro con aumenti progressivi di frequenza, 12-15-18 Hz e poi riuscendo a farla salire sulla pedana con entrambe le gambe anche se per soli 30 sec. Hai dei suggerimenti da darmi a tal proposito, perche' sarebbe mia intenzione ampliare il discorso proprio a quel target di persone non piu' giovanissime che si muovono poco e hanno problemi di osteoporosi, ritenzione idrica e ipotonia muscolare, ma senza esagerare troppo.
Grazie a presto :hu:

Sasha Marvin
Ritratto di Sasha Marvin
Re: Galilleo per i "non" giovanissimi

Si devi essere molto prudente e delicata. Non superare la soglia del piacevole. Poi falle fare qualche esercizio di flessibilità. All'inizio falle prendere confidenza con la macchina e poi sarà lei a dirti fino a dove spingerti.

Magari ti metto in contatto con Marco di firenze che utilizza Galileo da anni.

Accedi o registrati per inserire commenti.