Galileo FIT - avulsione tendine femorale

2 posts / 0 new
Dal più recente
lucietta
Ritratto di lucietta
Galileo FIT - avulsione tendine femorale

Inciampando improvvisamente due mesi fa in una buca, il cotraccolpo mi ha provocato l'avulsione del tendine femorale. Lo strappo lungo tutta la coscia sinistra è migliorato decisamente, sono ancora in grado di piegarmi in avanti toccando terra praticamente con i gomiti, ma il gluteo mi fa ancora male.
Mio marito ha ordinato la GALILEO FIT, vorrei sapere se può in qualche modo aiutarmi e in che misura e con quale ampiezza vibratoria deve essere impiegata.
Inoltre ho sentito dire dai miei istruttori in palestra che le vibrazioni della macchina sul lungo termine, tipo dieci anni, rovinano le ossa.Può essere??!
GRAZIE: CIAO :hu:
Lucietta

Sasha Marvin
Ritratto di Sasha Marvin
Re: Galileo FIT - avulsione tendine femorale

Ciao Lucietta, benvenuta sul forum. :si si si:

Cominciamo dall'ultima domanda:

"Ho sentito dire dai miei istruttori in palestra che le vibrazioni della macchina sul lungo termine, tipo dieci anni, rovinano le ossa.Può essere??!"

Galileo ha iniziato gli studi nel 1998 e sono passati 13 anni. Chi utilizza la vibrazione Galileo nel rispetto delle semplici regole stabilite dai medici ha solo dei benefici e non è mai successo nulla che possa essere minimamente essere messo in relazione con i trattamenti, anzi, ci sono delle Università, come quella di Colonia, e dei medici molto affermati nella pratica di terapie riabilitative per le malattie muscolo-scheletriche che incoraggiano senza mezzi termini l'utilizzo di questo tipo di terapia.

Potrei citarti almeno una ventina di studi e una decina di revisioni sistematiche dove sono gli stessi primari, medici e professori, che incoraggiano l'utilizzo della vibrazione Galileo (18..26Hz con escursioni da 4 a 6mm) per sfruttare i benefici del riflesso neuro-muscolare per promuovere un sano equilibrio di tono muscolare e densità ossea.

Se devo farlo in questa risposta diventa un lavoro lungo, ma ho un PDF con tutti gli abstract di studi pubblicati in merito che su richiesta posso fornire.

Questo per quanto riguarda vibrazioni controllate e ben definite. Come quelle Galileo.

É ovvio che se prendiamo in esame tutti i dispositivi che ci sono in circolazione, dove evidentemente mancano gli studi, oppure ci sono anche ma con risultati mediocri o inefficaci, la prospettiva può confondere chi non conosce bene l'argomento, figuriamoci con chi è portato a giudicare in base alla prima cosa che sente oppure con istruttori che non hanno voglia di informarsi o vedono la cosa in concorrenza al loro lavoro, è ovvio che se possono dire qualcosa di negativo lo fanno.

Invece, ci sono molti istruttori che hanno capito l'utilità dei trattamenti per amplificare i risultati dei loro programmi di allenamento, e li mettono in atto con grande successo. Quindi si dotano del dispositivo per migliorare il loro lavoro.

Tra l'altro ci sono anche degli studi che chiariscono il ruolo delle vibrazioni e stabiliscono chiaramente che i protocolli Galileo sono in sicurezza.

Poi si possono fare delle ipotesi sul ruolo delle vibrazioni incontrollate (tipo macchinari da scavo, martelli pneumatici) sulle articolazioni, ma va tenuto conto che non stiamo parlando di questo tipo di vibrazioni, nel vibration training.

Se noti dalle schede allenamento, vedi che i tempi sono contenuti ed intervallati da pause. Difficilmente si superano i 9 minuti di trattamento complessivo e mai 3 di seguito.

Siamo soggetti a vibrazioni costantemente, ed è come con la luce o con le onde radio o i suoni, dipende da che frequenza e che intensità. Vedi per esempio i centri abbronzatura o l'esposizione al sole. Ci sono delle finestre (di frequenza e tempi) che sono benefiche e altre no, stessa cosa nelle vibrazioni meccaniche.

Quindi, certo, se vogliamo dire che le vibrazioni possono essere dannose, si può anche affermare, ma possiamo affermare tranquillamente il contrario, senza problemi. Magari specifichiamo se si tratta di raggi Gamma o scosse telluriche, un giro in bici sulla strada di campagna, o una prova sui ratti in laboratorio (dove tra l'altro stanno ottenendo buonissimi riscontri sull'osteogenesi negli impianti di protesi).

La cosa più intelligente per i vari PT ed istruttori, sarebbe di approfondire l'argomento in modo da poter dare un giudizio obiettivo. Succedeva lo stesso con la Zona e succederà ancora chissà quante volte, fa parte della natura umana, e non si può cambiare.

É interessante vedere, per esempio che a 30Hz sulla Galileo, alle articolazioni del ginocchio arriva una sollecitazione molto inferiore di quella che arriva semplicemente camminando o alzandosi dalla sedia, mentre il lavoro muscolare è più alto.

Altra cosa interessante, è che in assenza di vibrazioni e sollecitazioni muscolari, le ossa perdono il ruolo che hanno, si smontano piano piano e l'organismo non provvede perché non serve...

Quindi se cerchiamo una risposta utile è che le vibrazioni sono basilari e servono per una situazione sana e benefica. Bisogna, come tutto, usare il buon senso e non esagerare.

-------

OK, per quanto riguarda il problema al gluteo, sarebbe da valutare con un professionista. Ad esempio con la [url=http://www.massamagra.com/fisioterapisti-pedana-vibrante/Galileo-Firenze... prova a sentirli, chiedi di Marco che è l'esperto.

Dal mio punto di vista, se vuoi la mia opinione (non da medico ma da tecnico che segue l'argomento dal 2005 più o meno), potrebbe essere un'aderenza o la minor elasticità di una fascia muscolare, rispetto al gruppo del gluteo. Con i normali trattamenti dovrebbe piano piano sparire. Per normali intendo le schede tipo il tono muscolare dove c'è un po' di tutto, dall'allungamento al lavoro muscolare alle varie intensità. Ho visto che qualcuno trova giovamento in tempi brevi in abbinamento al chinesiologo!

In questo caso, nel tuo caso, il lavoro specifico sta nel programma normale con la Galileo FIT, nel senso che bisogna fare un trattamento per il riscaldamento, che c'è sempre, un trattamento di allungamento muscolare, incluso, uno di massaggio, nelle pause, di lavoro e, per ultimo di allungamento muscolare e flessibilità.
Sicuramente la scheda tono-drenaggio.

-------

Spero di aver dato una risposta esauriente e di aver fugato eventuali dubbi. Nel caso, più domande inserisci sul forum, più siamo/sono contenti/o di poter rispondere!!!
Un saluto!

Accedi o registrati per inserire commenti.