consiglio allenamento neofita pro evolve

  • Sharebar
  • Aumenta
  • Diminuisci

Dimensione attuale: 100%

4 posts / 0 new
Dal più recente
ALESSIO
Ritratto di ALESSIO
consiglio allenamento neofita pro evolve

Salve a tutti, ho acquistato diverso tempo fa la sudetta pedana, per regalarla a mia moglie che fino ad oggi l'ha utilizzata in modo marginale ed utilizzando solo i programmi preimpostati sulla macchina logicamente senza grossi risultati. Ora vorrei cominciare ad usarla io, fino ad oggi non l'ho fatto per mancanza di tempo, ma ora vorrei farlo cercando di sfruttarla al meglio ma non so esattamente come fare. Mi spiego meglio, ora ho cominciato con il programma total body che seguiró per un paio di settimane come consigliato dal manuale ma poi per passare ad un allenamento più intensivo come posso fare? Come posso impostare una scheda di allenamento? Secondo quali criteri? Non ne esistono di precompilate? Io ho un dvd illustrativo dove ho trovato solo le posizioni con la postura corretta ma non mi sembra ci sia alto. Premetto che sono giá abbastanza allenato essendo ciclista amatoriale (mountain bike) e vorrei quindi completare con la pedana. Grazie!

Sasha Marvin
Ritratto di Sasha Marvin
Scusa se ti deludo ma c'è un problema di fondo.

Ciao Alessio! Mi dispiace se ti deluderò un po' con la mia risposta ma non credo che riuscirai a trovare delle grandi differenze con quel tipo di vibrazione per le tue esigenze. Qualche anno fa avevo fatto un confronto di EMG tra la vibrazione Galileo e altre macchine e gli effetti della ProEvolve erano davvero marginali, tipo 1/20.

Tu hai bisogno di un dispositivo che lavori sulla contrazione del muscolo su parametri umani, cioè su frequenze ottimizzate per l'uomo e che giri intorno alla frequenza primaria per stimolare bene tutti i recettori.

E devi usare dei pesi per aumentare il carico per fare potenziamento con la vibrazione.

Ti dico subito che il lavoro che vuoi fare tu lo fai solo con Galileo. Purtroppo gli studi effettuati con la vibrazione Galileo sono stati usati in modo del tutto sleale dalla maggior parte dei produttori di pedane. Ci sono vibrazioni e vibrazioni.

In particolare è possibile aumentare di molto la soglia di resistenza con Gaileo, vedi questo studio in questo articolo.
Powerplate DKN Vibrogym e le altre marche che operano dai 30 Hz in su, (35Hz low 45Hz high) con tutto il rispetto per il loro Marketing e la bravura nel creare credibilità su risultati di altri, sono totalmente fuori dai parametri utilizzati dalla vibrazione Galileo (18-26Hz), quindi trovo veramente sleale che associno gli studi effettuati con il WBVT su frequenze diverse dalle loro pedane. E per quanto riguarda gli astronauti di cui in tanti si fregiano, nella simulazione dell'Ente spaziale per la Missione su Marte Mars 500, c'è una Galileo ADV in uso. Non una pedana verticale dalle frequenze fuori dai parametri degli studi validi. Qui si legge oltre agli abstract e si va a vedere quali dispositivi sono stati utilizzati.

Detto questo bravi per il marketing però, davvero. Solo che non è giusto che poi le persone credono di poter fare delle cose che invece certe macchine semplicemente non fanno. 

ALESSIO
Ritratto di ALESSIO
In effetti sono un po deluso

In effetti sono un po deluso ed anche alquanto sconcertato visto che al momento dell'acquisto (fatto tramite questo sito) ben 6 anni fa, lei stesso mi parlò di questa pedana in modo molto positivo. Mi disse di averla testata, e mi parló delle qualitá tecniche della stessa, parametri, frequenze ecc. (cosa che vedo continua a fare nei suoi discorsi) e che comunque, deduco, da esperto quale lei è le davano giá dei chiari parametri di giudizio sul prodotto. Logicamente sapevo di non acquistare il top in assoluto e che la pedana era comunque per un uso casalingo, come lei tenne a precisarmi, questo non lo nego, ma allo stesso tempo mi aveva dato buone garanzie sulle qualitá della macchina e sulla sua efficacia, senza ripeto promettermi certo di poterla usare per un allenamento da iron man. Mettiamoci pure il fatto che la tecnologia va avanti, ma di sicuro non pensavo di aver acquistato solo un enorme, ingombrante e costoso shaker come ora mi lascia intendere. Devo dedurre a questo punto che anche lei rientra nel discorso che ha fatto del marketing, quindi bravo anche a lei e complimentoni. Nel mio post avevo chiesto come poter programmare un allenamento con la pedana, soft o hard che possa essere, lei non ha nemmeno provato ad aiutarmi, non l'ha proprio preso in considerazione, deduco quindi che non sia proprio fattibile e quindi del tutto inutile pensare di potercisi allenare e le dico che questo è cio che mi lascia sconcertato. Comunque grazie per avermi aperto gli occhi ed avermi fatto capire come stanno le cose sia sul prodotto che sul resto! A questo punto proverò a farne uno pachidermico strumento per la stimolazione sessuale magari così troverò il modo per rifarmi dell'enorme esborso economico fatto per acquistarla.

Sasha Marvin
Ritratto di Sasha Marvin
Sono in accordo con te fino ad iron man.

Capisco la sua frustrazione e la tua reazione e confesso che all'inizio inizio eravamo tutti un po' abbagliati dai proclami dei produttori. Ma qualcosa non quadrava. E nel mio caso è durata poco.

Tutto però mi puòi dire ma non di certo che io l'abbia consigliata per finalità di potenziamento. Era un compromesso valido per un certo tipo di lavoro su soggetti sedentari che costava pur sempre 1/10 della Galileo.

Magari hai trovato le indicazioni per il potenziamento sul DVD o su altri forum ma non su questo sito. Se sali su proevolve con dei pesi, la vibrazione praticamente dimezza di intensità.

Io posso averla a suo tempo elogiata in confronto a pedane del suo segmento, ma non di certo messa sul piano di Galileo o ai risultati che potevi ottenere con le Galileo.

É da quando ho aperto il forum ed iniziato a distribuire le pedane che ho fatto sempre una chiara e pulita distinzione sulle reali capacità delle varie pedane. Anche e contro gli interessi dei produttori che distribuivo (ma oramai sono abituato a sentirmene dire di tutti i colori quando metto le cose in chiaro) e soprattutto con quelli che deviavano l'informazione per affermare cose esagerate. Tipo che la pedana aveva 6 mm di escursione verticale quando non arrivava a 2,3 mm. Pro evolve se non ricordo male è su 1,5mm

Pro evolve, era una entry level con tutti i suoi limiti. Rimane un dispositivo utile per chi vuole iniziare un percorso di risveglio muscolare. Per lo stretching è ottima, ma non fa nessuna differenza di prestazioni o resistenza su chi è già allenato. Drenaggio quasi nullo se paragonato ad una Galileo.

La puoi utilizzare per il defaticamento, ma per aumentare le prestazioni sarebbe solo tempo perso.

Non saprei farti un percorso di potenziamento per soggetti allenati con quella pedana e scusa se ti ho offeso involontariamente.

Accedi o registrati per inserire commenti.