dieta zona atleti, agonisti

dieta
dieta zona

il portale specializzato in dieta, integratori, dieta zona, diete per dimagrire e per lo sport

massamagra: la più ampia selezione di risorse web su dieta zona, alimentazione per il fitness, lo sportivo pro e non,
dieta, diete per dimagrire e rimanere sempre in forma con un occhio a salute e benessere.

il sito massamagra.com

proZona

  • ATTENZIONE !!!
    ProZona non è compatibile con iOS8. Andare nei settaggi dell' App e fare il backup del DB prozona per usi futuri se si intende fare l'upgrade al nuovo sistema operativo.

proZona 1.0 App Calcolo alimenti

Avvertenze

  • I contenuti e i pareri espressi in questo sito non devono essere intesi come cure mediche, consigli medici o diagnostici avendo esclusivamente finalità divulgativa e, non essendo in alcun modo sostitutivi della consulenza del medico, non possono costituire neppure presupposto di autodiagnosi o automedicazione.

Pubblicità

Newsletter massamagra.com

ISCRIVITI
alla
newsletter

tieniti aggiornato su articoli e novità. Ti avviseremo ogni volta, al masssimo settimanalmente, di nuovi articoli sulla zona, sulla salute, lo sport e l'alimentazione.

DIETA ZONA la "vera" dieta mediterranea per gli sportivi e non. Gli articoli di massamagra.com

Dieta Zona: il rapporto tra proteine carboidrati e grassi per gli atleti o gli agonisti.

(di Sasha Marvin, 26 gennaio 2006)

Una persona ha un limite di assorbimento di proteine che viene definito dal suo tipo di attività media. Se confrontiamo le proteine di cui questa persona ha bisogno in due regimi di attività diversi, vediamo che oltre ad un certo consumo di calorie la richiesta di proteine da parte dell'organismo non aumenta più, negli atleti questo aspetto assume un valore molto evidente e va gestito.

In questo grafico si vede come si sviluppa il fabbisogno proteico in relazione al carico di lavoro per la stessa persona.

Quello che nella Zona è richiesto per chi va oltre ad un certo consumo calorico è la fonte principale di energia: i grassi (preferibilmente monoinsaturi).

Nella Zona, infatti, in quell'arco di rendimento, chiamato per l'appunto ZONA, dove le proteine e i carboidrati sono assunti secondo il rapporto ottimale di 0,75 si innesca la produzione di energia ricavata dai grassi.

I carboidrati servono solo per alimentare alcune funzioni vitali, mentre l'energia motoria nella Zona è fornita dai grassi (come dovrebbe comunque sempre essere). Quando le funzioni vitali e l'energia motoria sono tratte principalmente dai carboidrati c'è la possibilità di andare in crisi, è ovvio.

Un agonista, un atleta deve compensare un eventuale fabbisogno di energia, superiore al limite imposto dal massimo assorbimento di proteine, aggiungendo grassi e non proteine e carboidrati oltre al suo fabbisogno proteico basale.

Quello che un fondista fa difficoltà a capire e che se un giorno si impegna in una maratona da 6 ore e consuma 5000/6000 kilocalorie, la sua massa magra è sempre quella, non serve a niente e non deve consumare più proteine (e di conseguenza carboidrati) oltre al solito, deve solo aggiungere grassi distribuendoli nei pasti della giornata.

Le proteine e i carboidrati devono essere gestiti per soddisfare prima il fabbisogno proteico, poi per rispettare il rapporto di 0,75 tra quest'ultimi due. Poi eventualmente si aggiungono i grassi.

ESEMPIO:

Prendiamo un atleta che normalmente si allena giornalmente su una base di 22 blocchi totali (22P 22G 22C) con consumo di circa 2100/2200 kcal giornaliere. Il suo allenamento è principalmente aerobico e non alza pesi per 3 ore. Quindi il fabbisogno di proteine non è dato da un indice di 2,3 ma 1,9.

Lo stesso atleta il giorno che aumenta il consumo a 2700 kcal, dovrà semplicemente portare i grassi a 44 blocchetti (22P 44G 22C) senza aumentare proteine. La sua massa magra è sempre la stessa e non può metabolizzare di più. Un etto di mandorle in questo caso da distribuire nei pasti di tutta la giornata. É questo il "trucco" della Zona che fornisce prestazioni super ed energie praticamente illimitate.

A qualcuno, abituato a dosi di carboidrati spropositate prima di gare o uscite lunghe, questo discorso potrà sembrare strano, ma a noi che l'abbiamo provato di persona è perfettamente logico e conferma in pieno tutte le teorie, che non sono più tali.

Attenzione però: in questi casi diventa fondamentale, anche per chi si nutre esclusivamente di carboidrati favorevoli, ripristinare i sali e le vitamine con un prodotto valido e integrare i grassi con degli omega3 puri e della giusta concentrazione.
come Juice Plus e integrare gli acidi grassi con una soluzione come gli Omegor, che sono quelli che usiamo noi.

Noi utilizziamo giornalmente questi prodotti: Juice Plus Omegor Agel

Se con la Zona fate il 70% del lavoro, con gli integratori giusti completate ed il risultato si sente e si vede. Avete tutto a disposizione qui, con una zona attenta, intelligente e completa con frutta e verdura in polvere e gli omega3.

In conclusione:

Se il consumo di kcal è superiore a quanto dato dai blocchetti di P G C che deriva dal fabbisogno proteico di ogni giorno, si dovrà aumentare solo i grassi e integrare acidi grassi essenziali, sali e vitamine.




Articoli inerenti l'argomento:

>> La ZONA e la gestione dei grassi per gli atleti.
>> La zona e gli sport intensi e di lunga durata.