Dieta zona per gli atleti

  • Aumenta
  • Diminuisci

Dimensione attuale: 100%

Dieta Zona: il rapporto tra proteine carboidrati e grassi per gli atleti.

Una persona ha un limite di assorbimento di proteine che viene definito dal suo tipo di attività media. Se confrontiamo le proteine di cui questa persona ha bisogno in due regimi di attività diversi, vediamo che oltre ad un certo consumo di calorie la richiesta di proteine da parte dell'organismo non aumenta più, negli atleti questo aspetto assume un valore molto evidente e va gestito.

In questo grafico si vede come si sviluppa il fabbisogno proteico in relazione al carico di lavoro per la stessa persona.

Quello che nella Zona è richiesto per chi va oltre ad un certo consumo calorico è la fonte principale di energia: i grassi (preferibilmente monoinsaturi).

Nella Zona, infatti, in quell'arco di rendimento, chiamato per l'appunto ZONA, dove le proteine e i carboidrati sono assunti secondo il rapporto ottimale di 0,75 si innesca la produzione di energia ricavata dai grassi.

I carboidrati servono solo per alimentare alcune funzioni vitali, mentre l'energia motoria nella Zona è fornita dai grassi (come dovrebbe comunque sempre essere). Quando le funzioni vitali e l'energia motoria sono tratte principalmente dai carboidrati c'è la possibilità di andare in crisi, è ovvio.

Un atleta deve compensare un eventuale fabbisogno di energia, superiore al limite imposto dal massimo assorbimento di proteine, aggiungendo grassi e non proteine e carboidrati oltre al suo fabbisogno proteico basale.

Le proteine e i carboidrati devono essere gestiti per soddisfare prima il fabbisogno proteico, poi per rispettare il rapporto di 0,75 tra quest'ultimi due. Poi eventualmente si aggiungono i grassi.

Questo schema però è applicabile solo su chi pratica sport entro certe soglie, chi fa triathlon, ciclismo di fondo, maratona ed endurance in generale necessita di alcuni accorgimenti fondamentali.

Ci sono diversi accorgimenti per gestire le fasi del pre, durante, post allenamento / gara. 

Attenzione però: in questi casi diventa basilare, anche per chi si nutre esclusivamente di carboidrati favorevoli, integrare i sali e le vitamine con un prodotto valido e integrare i grassi con degli omega3 puri e della giusta concentrazione.

Articoli inerenti l'argomento:

>> La ZONA e la gestione dei grassi per gli atleti.
>> La zona e gli sport intensi e di lunga durata.